Crea sito

La BCE, con la Grecia, ci guadagna.

La BCE, con la Grecia, ci guadagna.

La BCE, con la Grecia, ci guadagna.
maggio 19
06:41 2017

Risultati immagini per council of the european union

 

 

 

 

La  BCE, con la Grecia, ci guadagna.

Cominciamo a ricordare – perché è la  dimenticanza che ci rende più servi – cosa fu quello che la Banca Centrale Europea (e i politici  UE) chiamarono “il salvataggio concesso” ad Atene. La BCE lanciò il SMP (Securities Market Programme) che consiste  nel  comprare il debito greco sul mercato secondario.

Cosa è il mercato secondario? E’ quello dove la banche vendono e  comprano  i titoli degli stati.  Trattandosi di titoli greci, soprattutto le banche – tedesche e francesi –  avevano fretta di vendere. Se non ci fosse stata la BCE a  comprarli,  avrebbero dovuto non vendere, ma svendere quei titoli che allora nessuno voleva.

Quindi, l’azione di salvataggio ha salvato le  banche tedesche e francesi, che avevano prestato in modo spropositato e come minimo incauto, ad una economia così piccola e debole. Draghi le ha  sottratte  alla sanzione che  i “mercati”  liberi riservano a chi investe   male, prestando a debitori insolventi:  il  meritato fallimento. E le ha pagate più di quel che i titoli valevano.

Non basta: le  banche centrali nazionali, certo su stringente consiglio della BCE, ne seguono le orme, lanciando un loro “programma di salvataggio”, ANFA (Agreement on Net Financial Assets), insomma anch’esse acquistato  titoli greci, salvando le banche loro (noi italiani abbiamo salvato le banche altrui; non avevamo grandi esposizioni con Atene).

Comunque, direte, le banche hanno venduto alla BCE a meno di quel che potevano pretendere dal debitore, hanno fatto un sacrificio. L’Europa ha teso una  mano  al governo greco, la BCE si è accollata titoli che sono carta straccia.

Prego, guardiamo meglio: la BCE ha raccattato i titoli a prezzi da  liquidazione, ma dalla Grecia pretende il rimborso del montante iniziale.

Ha dunque ricavato una plusvalenza dalla differenza tra il prezzo a cui ha acquistato, e quello a cui esige il rimborso. Draghi ha   speso 40 miliardi per comprare titoli greci dal valore facciale di 55,  stimava il Financial Times.

Non solo: la BCE nel frattempo ha lucrato gli interessi su quei titoli. Intereessi alti, perché sui  titoli acquistati di seconda mano, lo  sono. La Grecia paga interessi a tasso del 5,9 per cento. L’aprile scorso così  la Grecia ha   pagato 1,34 miliardi di euro a quel tasso.

La stessa BCE valuta  che i profitti realizzati in questa operazione in 10,4 miliardi di euro.  Un’altra organizzazione, Campagna per il Giubileo, che ha dei docenti universitari nel suo seno, stima i profitti di Francoforte “fra 10 e 22 miliardi”.

Fatto è che nel 2012 la cosa si è risaputa, ed i profitti della BCE  estratti al popolo greco avendo cominciato a fare scandalo, allora – e solo allora – gli Stati membri della UE hanno preso l’impegno di “retrocedere”, ossia di restituire alla Grecia, su base annuale, i profitti intascati.  Ohibò? Ma era un diritto della Grecia, oppure no? Non saprei.  Certo  è l’indizio di una coda di paglia chilometrica.

Però attenzione, c’è il trucco: la retrocessione dei profitti lucrati con  SMP e ANFA, è una cosa che spetta fare agli stati membri. Non poteva restituirli la BCE direttamente, cosa più semplice? Ma no,  perché la BCE vi spiegherà che lei, i profitti che realizza, li versa per quota alle banche centrali nazionali, le quali essendo banche private costituite da consorzi di banche private, e  dove lo Stato è  solo uno degli azionisti, distribuiscono i profitti agli azionisti. E’ il mercato, ragazzi. Ha le sue regole.

Di fatto, gli stati europei, nel 2013, hanno versato “alla Grecia” una prima tranche di 2,7 miliardi. Ho scritto “alla Grecia” tra virgolette, perché in realtà l’hanno versato su un conto speciale dedicato. Dedicato al  rimborso del debito.  Insomma i creditori hanno versato  i 2,7 miliardi in realtà a  loro stessi, in un conto di deposito per la propria garanzia.  In Grecia, di quegli interessi che i greci hanno pagato, non è entrato un euro.   Nel 2014, gli stati europei hanno versato un’altra tranche – ma cambiando ancora: su un conto intermedio del MES (Meccanismo Europeo di Stabilità) che è situato, guarda le coincidenze, in Lussemburgo. Cioè quel paradiso fiscale di cui il capo della commissione europea Juncker è stato primo ministro per quasi vent’anni (1995-2013), facendo  quegli accordi fiscali con 550 multinazionali per attrarne le sedi nel piccolo centro; le multinazionali che si sono messe d’accordo  con Juncker hanno pagato l’1%  sui profitti trasferiti nel Granducato  (a proposito: la scoperta  fu fatta da un consorzio di giornalisti nel 2014. “Non bloccherò l’indagine”, promise Juncker a testa alta. Qualcosa però dev’esser successo, perché son passati 3 anni e tutto tace. Forse perché le indagini  su Juncker  sono affidate a Margrethe Vestager,   commissaria alla concorrenza, sua collega e sottoposta  in oligarchia ? ).

Lasciamo perdere, non dobbiamo distrarci  da questi interessi che gli stati UE  si sono impegnati di restituire ai greci. Abbiamo visto che i creditori hanno versato qualcosa  nel 2013; qualcosa in un conto dormiente alle Cayman d’Europa (Granducato) l’anno dopo.  E poi? Poi più niente. Perché   a giugno 2015, gli stati europei si sono rimangiati l’accordo … pardon, mi correggo: l’ hanno bloccato  con la motivazione che finché Atene non si piegava alle austerità e ai tagli ferocissimi richiesti dai creditori, nemmeno più un euro.

La sospensione, l’ha chiamata l’Eurogruppo,  è dovuta “al ritiro della Grecia dal tavolo negoziale sul prolungamento della durata del secondo programma”;  naturalmente “nell’ipotesi di un nuovo accordo, questi [profitti] saranno utilizzati”  – per darli ai greco, direte voi. No: “saranno utilizzati per alleggerire il debito greco in caso di non- sostenibilità di esso e della messa in opera di  misure di  riforma”.    In pratica, sembra che con ciò  si voglia dire: se le “riforme”   che noi euro-usurai imponiamo ai greci rendono insostenibile il debito greco, noi ci serviremo  lautamente di quel monte di interessi ch non vi restituiamo.

Ma c’è anche un’altra spiegazione:  che i farabutti   banchieri e governi  creditori abbiano usato  la negazione di questi interessi –  che sono dovuti alla Grecia, per loro stessa ammissione – come arma di ricatto. Avevano vinto Tsipras e a trattare c’era Varoufakis, bisognava punirli   i greci, far vedere che delle banali votazioni non possono essere opposte a trattati europei, come disse Juncker allora.

Del resto già nel 2012, quando  la faccenda degli  interessi indebiti divenne nota, subito  i creditori  europei condizionarono la retrocessione alla continuazione dei programmi di austerità:  condizione illegittima – diremmo illegale, se nella UE vigessero i principi della  legalità. Ma l’esempio l’ha  dato la stessa  BCE, condizionando la retrocessione del dovuto a delle specifiche riforme: qui sì illegalmente, in violazione patente dei propri statuti di istituzione  tecnica.  politicamente indipendente.  Per coincidenza, le riforme imposte dalla BCE  sono quelle che vuole la Merkel con Schauble.  Persino il Fondo Monetario, ed è tutto dire,  ha espresso disagio per questa  brutalizzazione del popolo ellenico,   e ammette che queste “riforme”  aggravano la situazione debitoria della Grecia; bisogna essere nell’Europa Unita  per vedere simile spietatezza disumana e inflessibile.

I successi  tecnici di questa cura sono lì da vedere: nel 2010 il debito della Grecia era il 146,25 per cento del Pil; nel  2016 è salito a 183,44,  e nel 2017 salirà ancora a 184, 74.  Il debito diventa  sempre più impagabile. Però  i creditori hanno imposto al governo di Atene  altri tagli delle pensioni e annullamento di tutti gli alleviamenti tributari,  e  ciò per “darle” 3,8 miliardi,   che deve rimborsare alla BCE: insomma prestiti ad interesse, altri prestiti. Eppure   ci sono 4,5 miliardi degli interessi dovuti, e bloccati dai criminali creditori. Nel frattempo la Grecia ha un avanzo primario – che deve dedicare ai creditori, e si è impegnata a mantenere l’avanzo primario per 10 anni: ogni anno, un avanzo di bilancio di 3,5. Il Fondo Monetario ha minacciato di ritirarsi dal “salvataggio”,  ritenendolo  impossibile e inumano.  Sembra che Schauble abbia accettato una riduzione dell’avanzo primario; ha paura, per una volta, l’usuraio ministro delle finanze: paura che il FMI  si ritiri, e allora si veda che il problema della Grecia è l’insolvenza, non  la mancanza di liquidità che i creditori graziosamente le coprono prestando  ad interesse.

Questa è l’Europa a cui ci dicono che bisogna restare aggrappati, perché sarebbe la nostra salvezza. Fosse un nemico, avrebbe trattato i greci  un po’ meglio.  L’Europa calpesta l’umanità. Non riconosce pietà. “Se prendi in pegno il mantello del tuo prossimo, glielo renderai al tramonto del sole, perché è la sua sola coperta”   prescriveva Esodo 22, 24-26).

Draghi non restituisce il  mantello al debitore; glielo presta ad interesse.

 

 

 

 

About Author

younetspiegalevele

younetspiegalevele

Related Articles

Leave a Reply

0 Comments

No Comments Yet!

There are no comments at the moment, do you want to add one?

Write a comment

Write a Comment

*

Archivio Articoli

Ricerca interna