Crea sito

LUI SALVEREBBE LA UE. KEYNESIANO NEL 2017. LA SUA FIRMA IN FONDO.

LUI SALVEREBBE LA UE. KEYNESIANO NEL 2017. LA SUA FIRMA IN FONDO.

LUI SALVEREBBE LA UE. KEYNESIANO NEL 2017. LA SUA FIRMA IN FONDO.
marzo 01
08:13 2017

 

Lui è di fatto un Keynesiano del terzo millennio, del 2017. Invoca molta più spesa di Stato, sì, di Stato. E’ di vera Sinistra, perché invoca centinaia di miliardi da spendere per la piccola gente, per le piccole medie aziende e i loro operai, per le infrastrutture della gente, soprattutto per i giovani senza titolo di studio. E infine dice chiaro che i fantastilioni spesi per Wall Street dal governo americano, e per logica deduzione quelli spesi da Draghi per le mega banche della UE, sono soldi regalati all’1%.

Ha a cuore i contadini, l’ambiente, e dice molto di più. Accusa le porcate finanziarie che hanno spaccato in due il Pianeta nel 2008 di aver causato sofferenze inenarrabili e 34 milioni di disoccupati. Per lui la Globalizzazione e l’Outsourcing dei lavori verso il Terzo Mondo sono stati un macabro imbroglio, se ne fa gioco nei suoi discorsi pubblici. E parla contro le guerre, e dice:

Le multinazionali americane hanno accumulato negli scorsi trent’anni montagne di miliardi. Dove sono stati spesi quei soldi nella parte che andava allo Stato? Gli USA negli scorsi trent’anni hanno lanciato 13 guerre, che gli sono costare 14.200 miliardi di dollari. Ma se Washington avesse speso anche solo una parte di quei soldi per le famiglie, per le PMI, per i giovani o le infrastrutture, oggi non avremmo Trump.” E conclude:Uno Stato che si rispetti deve come prima cosa spendere per la sua gente. Non incolpate la Cina o l’India o la Tailandia di avervi rubato i posti di lavoro. Ve li ha rubati la vostra strategia di guerra”.

Amaramente auspica che un mondo dove la Globalizzazione di secoli fa era dominata da pochi Re e Imperatori, quella di oggi da 60.000 corporations che hanno tutto, bè, dice, questo mondo oggi dovrebbe avere una Globalizzazione controllata da, come minimo, 20 milioni di aziende.

Discorsi di giustizia economica globale santissimi, e sì, già sentiti dai pochi attivisti o economisti umanizzati che ci rimangono. Non certo dai nuovi Imperatori del business. Ok, ho finito. Ah, ecco chi è questo uomo:

Jack Ma, CEO di Alibaba, l’uomo più ricco della Cina, 37 miliardi di $ in tasca. Ditelo a Gentiloni e a Benetton.

 

 

 

http://www.paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=1654

About Author

Loud

Loud

Related Articles

Leave a Reply

0 Comments

No Comments Yet!

There are no comments at the moment, do you want to add one?

Write a comment

Write a Comment

*

Archivio Articoli

Ricerca interna